Ely

 

DIARIO DI BORDO

Come il vento

 

 DIARIO DI BORDO


Solca l'acque e l'onde
del pensiero il mio vascello
veleggiando con dolcezza
nel buio scintillante:
non ignoro, anzi li temo
gli uragani ciclopici,
e sono sempre pi i mostri marini
che mi attendono in agguato
negli abissi...
Ma io capitano non posso abbandonare
il viaggio per l'altrove,
il timone e la vedetta.

Dicono (ma forse una bugia)
che non sia concessa
vita lunga
a quel navigator che sfida
tali flutti...

Non ci penso, e poco importa:
mi sporgo dalla punta della prua
col cannocchiale mio scettro
ed nella notte
silenziosa e salina
che scruto gli astri
mantenendo la rotta,
sicura di seguire
la mia Stella Polare.

 

Come il vento, la delusione

ha spazzato via ogni briciola

di sorriso sulle mie labbra,

ha strappato a piccoli pezzi

ogni foglia di benessere dal

mio volto,

ha spento la fiamma nei miei

occhi,

ha asciugato il sudore dalle mie

mani,

ha inaridito ogni singola parte

di me!

 

 

Home page  |  L'autrice del sito  Le pagine del sito     

          |