Andrea G.

 

Come anime al vento

Al tramonto

       

 

 

 
Come anime al vento
io e tu distanti,
spazzati dal timore di ricadere nuovamente a terra,
sulla cruda e spinosa terra dei miei rimorsi,
delle mie ansie
delle tue lacrime.
 
Ed ecco ora che vago
trasportato dalle mie abitudini,
dalle mie volute distrazioni.
Scappare non servirÓ
non terra i tuoi occhi
,in sacrificio a me,
 lontani dal mio negato sguardo
dalla mia fugace attenzione,
verso un banal bel fiore.

 

 
Rive solari
ritirano le loro acque
in questa valle di accesi ulivi,
fumi sparsi raccontano
storie di campi
legami e sudore,
selvaggi trulli aspettano fedeli il loro padrone
mentre contemplano
il rosso ovest alle loro spalle.
Ruvidi datteri anneriscono
accesi colori sfiorano l'asfalto
bianche pareti sfuggono
la terra viene catturata dalle ombre
ed ogni fazzoletto ancora in luce
respira
ansimando per un nuovo giorno.

 

 

 

La proprietÓ letteraria Ŕ dell'autore. Ogni riproduzione Ŕ vietata.

 

Home page  |  L'autrice del sito  Le pagine del sito